Rimani sempre aggiornato sulle notizie di meilogunotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

“Programmazione territoriale Mejlogu”. Venerdì 21 luglio la presentazione a Cheremule

Il presidente Salvatore Masia: «Siamo al passo con gli altri territori»

| di Antonio Caria
| Categoria: Attualità
STAMPA

Cheremule. Un lavoro svolto senza fare rumore e durato mesi. Ora potrà finalmente vedere la luce. «Abbiamo mantenuto un basso profilo fin tanto che non ci siamo trovati tutti d’accordo su alcuni principi guida, ma oggi possiamo dire di esserci. La nostra Manifestazione d’Interesse, che contiene una serie di proposte e di idee per il rilancio del nostro territorio, è stata approvata dalla Regione».».

Con queste parole, il sindaco di Cheremule e presidente dell’Unione dei Comuni del Meilogu Salvatore Masia, ha annunciato l’avvio della “Programmazione Territoriale “Mejlogu”, le cui linee guida verranno presentate, alla presenza dell’assessore della Programmazione Raffaele Paci, venerdì 21 luglio alle 11.00 presso il centro culturale in piazza Insorti Magiari. Presenzieranno anche gli amministratori e le imprese del territorio.

Il team incaricato dall’Unione dei Comuni del Meilogu ha prodotto una proposta progettuale frutto, oltre che di un lavoro di analisi del territorio interessato, anche degli stimoli arrivati dai primi cittadini. Il progetto riguarda i punti di forza  (valori naturalistici, ambientali e turistici) e le criticità (invecchiamento della popolazione).

Già nello scorso mese di aprile, la Regione Sardegna aveva approvato la manifestazione d’interesse presentata dai Sindaci, auspicando però «il coinvolgimento di altre aree, in modo da favorire una maggiore efficacia delle politiche di sviluppo».

«Ed è per questo che abbiamo scelto di unire le forze – così Masia – con il territorio dell’Unione di Villanova col quale condividiamo una serie di indicatori socio economici, ma soprattutto storia e tradizioni accompagnate da un’analisi sullo stato del territorio che ci ha visto impegnati per mesi e senza la quale era difficile pianificare su basi certe».

«Il Meilogu – ha proseguito Masia – vive da anni una fase di declino demografico, tutti i dati confermano che i nostri paesi si svuotano. Questa consapevolezza ci ha spinto a metterci insieme per dare una scossa al territorio».

«Dobbiamo promuovere le nostre imprese, vero motore dell’economia, ma gli incentivi – ha sottolineato il presidente – non bastano più, per questo con i sindaci stiamo lavorando da mesi per condividere una visione di territorio che ci conduca a rilanciare lo stato della nostra economia».

Visione considerata “Coerente” con le linee di sviluppo regionale dal Centro Regionale di Programmazione. «Se ieri era il sovrappopolamento la principale causa di povertà, oggi sono la scarsità di popolazione e soprattutto l’invecchiamento il vero ostacolo allo sviluppo economico».

Antonio Caria

Contatti

redazione@meilogunotizie.net
mob. 389.8213416
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK