Rimani sempre aggiornato sulle notizie di meilogunotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Lingua sarda: domenica a Pozzomaggiore la consegna degli attestati ai 200 corsisti del Bellieni

“L’Ischis ma no l’ischis” sarà la cerimonia conclusiva dei cicli di lezioni realizzati dall’Istituto Camillo Bellieni di Sassari in dodici comuni del nord Sardegna. Ospite d’onore l’assessore regionale alla Cultura

| di Comunicato a cura dell'Istituto Bellieni
| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

L’interesse per la lingua sarda sembra non conoscere crisi. La sezione autunnale dei corsi realizzati dall’Istituto Camillo Bellieni (Is.Be.) di Sassari ha fatto registrare numeri incoraggianti: dodici comuni coinvolti tra Logudoro, Anglona, Romangia, Meilogu e Marghine per un totale di duecento iscritti e 210 ore di lezione complessive. Molti i giovani partecipanti.

I risultati del percorso di formazione saranno presentati domenica mattina (13 dicembre) a partire dalle 10 nei locali della Biblioteca comunale di Pozzomaggiore (in via Mercato) nel corso della conferenza dal titolo “L’ischis ma no l’ischis”. All’incontro parteciperanno i rappresentanti dei comuni di Pozzomaggiore, Sassari, Sennori, Martis, Ploaghe, Osilo, Borore, Bolotana, Macomer, Bortigali e Bonorva, tutti interessati dai corsi. Coordinerà i lavori la presidente dell’Is.Be, Maria Doloretta Lai. Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Pozzomaggiore, Mariano Soro, il direttore scientifico del Bellieni, Michele Pinna, illustrerà “Sa funtzione de sa limba sarda in su territòriu”.

A tutti i corsisti saranno consegnati gli attestati di partecipazione dalle mani delle insegnanti Daniela Masia, Anna Maria Tavera, Maria Antonietta Fois, Francesca Sini e Lucia Sechi. Ospite d’onore l’assessora regionale alla Cultura e alla Pubblica istruzione, Claudia Firino.

Nel pomeriggio l’appuntamento si sposta nella Valle dei Nuraghi tra Torralba e Bonorva, dove alle 15.30 saranno inaugurate le visite guidate in sardo negli importanti siti archeologici del Nuraghe Santu Antine e nelle Domus de Janas di Sant’Andrea Priu, grazie alle operatrici delle cooperative Sa Pintadera e Costaval che hanno appena concluso il percorso di formazione sotto la guida di Lucia Sechi.

Comunicato a cura dell'Istituto Bellieni

Contatti

redazione@meilogunotizie.net
mob. 389.8213416
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK