Rimani sempre aggiornato sulle notizie di meilogunotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Al bortigalese Gian Gavino Vasco il premio "Ozieri" di poesia

La poesia vincitrice

| di Sandro Biccai
| Categoria: Arte
STAMPA

OZIERI. In piedi, davanti alla platea del Teatro civico “ Oriana Fallaci” di Ozieri assisa, in perfetto silenzio. La voce rotta da un’emozione comprensibile e legittima. Parole ricercate ma essenziali, mai di circostanza né banali, a difesa di un patrimonio inarrivabile. Eppure alle prese con qualche segnale di crisi di identità, come quello rappresentato dalla poesia sarda in rima. Capace, per sua stessa natura, di avvinghiare l’anima, anche quella più disattenta, e scavare a fondo negli angoli più reconditi e refrattari della propria intimità.
Si è presentato così all’attenta platea Gian Gavino Vasco, il poeta di Bortigali vincitore ex aequo, insieme alla poetessa di Tempio Maria Teresa Inzaina, della prima  sezione, la più prestigiosa, del 54° “Premio Ozieri ” di poesia intitolata alla figura dell’illustre linguista Antonio Sanna, già presidente, negli anni ’60, dello stesso concorso.
Un Gian Gavino Vasco affaticato, ma risoluto nel regalare a tutti versi sofferti, dalla metrica perfetta, contrassegnati da una musicalità avvolgente. Una dimostrazione, ennesima ed ulteriore, di un poeta che, nel breve volgere di pochi anni, ha saputo conquistarsi meritatamente un posto di prestigio nel ristretto olimpo della poesia sarda a tavolino.

 

A s’ater’ala

    Ma chie b’at a bènnere
    a m’attoppare, cando
    ap’a fagher su brincu a s’ater’ala?
    Sa fortuna ap’a tènnere,
    presentàndemi, tando,
    de ti bier in chim’ ‘e cuss’iscala?
    Ti dia narrer: «Fala,
    beni a mi che pigare
    si dignu so de te»,
    ca ses tue su re
    chi calch’ ’orta proadu ap’a pregare,
    cun paga fide e gana,
    in mutas de turmentu e de mattana.

     A notte o a de die
     at a èssere a s’ora
     chi s’ùltimu biazu at a finire,
     giompìndeche a inie,
     dae sa vida fora
     e fora da’ su tempus de patire?
     Ma nessi a m’iscaldire
     un’àlidu b’at àere,
     po ch’ ‘ogare su frittu
     de su male chi afflittu
     m’at cando dadu m’as sa rughe a tràere,      

     chi como, ti cunfesso,
     a baliare in palas non resesso.

    Cale lughe ap’a bìere?
    Sa prus jara ‘e su chelu
    o cussa de sas framas de s’inferru?
    Su dimòniu rìere,
    o sintzeru un’anghelu
    ap’intender lieru o in inserru?
    Su frittu de s’ilgerru
    o s’ ‘eranu prus tébiu
    m’at a bintrare in sinu?
    Sighinde su caminu,
    s’ànimu meu, ‘olandesiche lébiu,
    at’a chircare pasu
    in d-un’antigu affranzu, in d-unu ’asu.

Sandro Biccai

Contatti

redazione@meilogunotizie.net
mob. 389.8213416
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK