Rimani sempre aggiornato sulle notizie di meilogunotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Siligo: abbruciamenti sconsiderati mandano in fumo decine di ettari

La testimonianza di un protagonista

| di Giuseppe Vargiu
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

La furia delle fiamme, dovute alla sconsideratezza di chi ha ritenuto opportuno eseguire abbruciamenti incontrollati in presenza di venti di scirocco, non ha risparmiato neppure Siligo. La fumata proveniente dall'agro è stata segnalata nel tardo pomeriggio agli uomini della stazione forestale di Thiesi, recatisi immediatamente sul posto insieme ai Barracelli di Bessude (i quali avevano appena finito di domare un altro di questi focolai).

La situazione è apparsa subito complessa con il vento che soffiava vigoroso sulle fiamme. Inoltre erano pochi i mezzi a disposizione per rinforzare le squadre accorse, tutte impegnate in eventi simili e altrettanto complessi. A dare manforte sono intervenuti i silighesi, mettendo a disposizione personale e approvvigionamento d'acqua.

Una lotta serrata fra uomo e fiamme ha scandito le ore che trascorrevano inesorabili: l'oscurità della notte si è quindi sommata al vento e ha reso più difficoltosa l'opera di spegnimento. Sono stati messi in salvo vigneti, oliveti e numerose case rurali, ma alcuni terreni incolti e colmi di vegetazione fitta e alta hanno continuato ad alimentare le fiamme.

A mezzanotte lo scenario si presentava così: a sud un'abitazione ha corso il rischio di essere attraversata dalle fiamme ma in quel momento sono arrivati i Vigili del fuoco, subito schieratisi a sua difesa. A nord, invece, le fiamme hanno minacciato di saltare la provinciale con la prospettiva di arrivare fino al monte Ruiu. Qui gli uomini della forestale, i Barracelli, i Carabinieri, la Polizia locale e stradale e i volontari di Siligo hanno lottato testa a testa contro vento e fuoco.

All'una di notte la situazione sembrava precipitare: lunghe lingue di fuoco sospinte da uno scirocco sempre più forte sono infatti riuscite a saltare la strada.

Gli uomini, sempre più provati dalla lunga fatica, hanno però raccolto le forze e, in un ultimo slancio, sono riusciti a domare le fiamme divampate sul versante di monte Ruiu, giusto in tempo per avere manforte da una seconda squadra di Vigili del fuoco accorsa da Sassari e lungamente richiesta dal sindaco di Siligo, Giuseppina Ledda, che è rimasta sempre accanto ai suoi compaesani durante le fasi più critiche sul fronte del fuoco e adoperandosi per ottenere rinforzi.

I potenti getti delle autopompe dei vigili hanno finalmente avuto ragione delle fiamme in pochi minuti.

Sul versante nord le operazioni si sono concluse intorno all'una e trenta, mentre sul versante sud c'è voluta qualche altra ora per avere ragione del fuoco.

Il bilancio è critico: si contano decine di ettari di varie colture e pascoli percorse dalle fiamme. Il tutto a causa della mano di uno sconsiderato.

Giuseppe Vargiu

Contatti

redazione@meilogunotizie.net
mob. 389.8213416
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK