Partecipa a MeiloguNotizie.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Centenario Grande Guerra 1917-2017. A Cossoine, i cerimoniali del 4 Novembre

Condividi su:

COSSOINE – Il prossimo 5 novembre, si terranno a Cossoine i cerimoniali per ricordare l’anniversario dei cento anni, trascorsi dalla battaglia di Caporetto. 

 

Per l’occasione, il Comune e la Pro Loco hanno predisposto un nutrito programma commemorativo del sacrificio dei tanti fanti caduti a difesa della Patria.  

 

Alle ore 10.30 si terrà il raduno dei cittadini e delle Autorità civili e militari presso il Municipio e a seguire, alle ore 11.00, la Santa Messa in suffragio dei caduti, nella Chiesa Parrocchiale di Santa Chiara. Alle ore 12.00, prenderà avvio il corteo per la deposizione delle corone dei fiori presso il monumento della Piazza Brigata Sassari e il Parco delle Rimembranze. Alle 12.30, i cerimoniali istituzionali presso la casa comunale e l’omaggio ai caduti cossoinesi. 

 

Il pomeriggio, presso il Salone Parrocchiale, alle ore 17.30, si terrà lo spettacolo teatrale “La Disfatta e la Riscossa”, un nuovo progetto culturale sulla Prima Guerra Mondiale, a cura della Pro Loco “Bastiano Unali”. Le voci narranti sono di Francesco Bosincu, Fabiola Casule, Chiara Fadda, Maria Teresa Fais, Andrea Sardu, Edoardo Solinas; al pianoforte Egidio Campus, Antonio Manca, Edoardo Solinas; al violino Vittorio Vargiu, voce solista di Fabiola Casule, voce soprano di Sabrina Mura.

 

Per una settimana, dal 1 al 7 novembre, ore 17-20, la Casa Parrocchiale ospiterà altresì la Mostra, “La Guerra a Fuoco”. Dal Carso all'Altopiano di Asiago, dalla Bainsizza a Trieste, la Grande Guerra dei Sardi nelle fotografie dell’Archivio del Generale Carlo Sanna e delle raccolte Bellieni, Cocco Ortu, Deidda, Figari, Niccolai e Tola, National Archives di Washington e Londra. Il progetto è promosso in collaborazione con il Club Modellismo Storico di Cagliari, la Fondazione di Sardegna con il patrocinio del Rotary Club di Cagliari Sud, il Comando Militare Esercito della Sardegna e l’UfficioStorico dello Stato Maggiore dell’Esercito.

Condividi su:

Seguici su Facebook