Partecipa a MeiloguNotizie.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Comunales Tiesi. Rifondazione narat chi nono a su Pd

Condividi su:

TIESI. Pro mèdiu de unu comunicadu, su tzìrculu de su Meilogu de Rifondazione at nadu sa sua in contu de eletziones comunales e de sa proposta de su Pd pro fraigare una lista tzìvica de tzentru manca e soberanista.

Sos comunistas ant mòvidu dae tres premissas: pro issos sa sotziedade no est fata de tzitadinos ebbia e tando no andat bene a faeddare de listas tzìvicas; in palas de custas b'at semper carchi partidu chi s'ispozat de s'eticheta sua pro collire prus votos; belle semper sos sìndigos, mancari chi crìtichent sas polìticas fiscales austeras de Roma e Casteddu chi mìnimant sas resursas a sas biddas, sunt de su matessi partidu de chie guvernat s'Istadu e sa Regione (Soletta est cumponente de s'assemblea natzionale de su Pd, Ndr).

A pustis de àere nadu custu, sos militantes de su Prc ant rispostu a cantu iscritu in su comunicadu de s'assemblea locale de su Pd, reconnoschende s'aficu pro su recùperu de su dissestu finantziàriu. In contu de s'ispidale «registramus sa pèrdida de su repartu de Meighina e de su Sucursu deretu, registramus sa pèrdida de unu presìdiu territoriale a garantzia de su deretu a sa salude iscrtu in sa Costitutzione».

In contu de tassas locales e de s'alìcuota zeru pro sa Tasi, Rifondazione nde bogat a campu sa progressividade de s'impositzione fiscale: «detzìdere de non fàghere pagare una tassa a totus cantos est comente a no la fàghere pagare a chie at una capatzidade cuntributiva prus arta». Faeddende de collidura diferentziada de s'arga «s'ùrtimu raportu regionale – si leghet in su comunicadu – nos mustrat chi Tiesi est a su 56%, in su 2012 si deviat otènnere su 65%».

Pregontende «ite fine ant fatu sas assembleas tzitadinas chi si deviant tènnere ogni 6 meses», sos militantes de Rifondazione ant cunfirmadu s'indisponibilidade issoro a sustènnere su progetu de su Pd. «La damus imbetzes – gai in sos concruos de su comunicadu – a gherrare contra a su guvernu Renzi e a sas polìticas malassortadas suas a comintzare dae su territòriu nostru».


Il comunicato

Premessa 1) Per noi la società non è semplicemente composta da cittadini. Cittadini sono il pastore e l'operaio. Ma cittadino è pure il proprietario dei grossi mezzi di produzione. Questi esistono dovunque, anche nei piccoli comuni. Perciò per noi non ha senso parlare di liste civiche.
Premessa 2) Dietro le liste civiche ci sono sempre i partiti che per raccogliere quanti più consensi “si spogliano” della loro etichetta e compongono liste pescando dalla cosiddetta società civile (meglio se con famiglie numerose).
Premessa 3) Spesso i sindaci sono dello stesso partito di chi ci governa a livello regionale e nazionale. Il Pd è un partito  confindustriale. Oltre a portare avanti politiche scolastiche e sanitarie a favore del privato, esso è l'artefice dei tagli agli Enti locali. Quando i sindaci del Pd dichiarano di essere stati trasformati in esattori dal governo, non abboccate! È un gioco delle parti che non scalfisce le politiche di austerità decise a Roma e a Cagliari e mai messe in discussione in periferia.
Fatto questo inquadramento generale entriamo nel merito della legislatura appena trascorsa. Preso atto del lavoro svolto per il recupero del dissesto finanziario che ha colpito la comunità, respingiamo la propaganda relativa all'ex Ospedale civile: si rimarca quanto «dovrà essere fatto per migliorare i servizi sanitari che ancora non sono stati implementati». Noi rimarchiamo la perdita, innanzitutto, di Medicina e Pronto Soccorso. Noi rimarchiamo la perdita di un presidio territoriale a garanzia del diritto alla salute sancito dalla Costituzione repubblicana.
Sulle tasse locali non abbocchiamo all'aliquota zero Tasi. Decidere di non far pagare una tassa a tutti equivale a non farla pagare a chi invece ha una maggiore capacità contributiva.
Sulla raccolta differenziata l'ultimo rapporto regionale sui rifiuti (pubblicato a febbraio) ci mostra che Thiesi è al 56% di separazione. Nel 2012 si doveva raggiungere il 65%.
E che fine hanno fatto le assemblee che si sarebbero dovute tenere ogni sei mesi per illustrare alla cittadinanza quanto fatto e raccogliere spunti dalla stessa?
Di fronte a tutto ciò, e di fronte alla volontà del Pd di fare una lista civica, noi manifestiamo la nostra indisponibilità.
La diamo invece per lottare contro il governo Renzi e le sue politiche scellerate a partire dal nostro territorio.

Condividi su:

Seguici su Facebook