Rimani sempre aggiornato sulle notizie di meilogunotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

"Cunsonos de Tiesi", sa publicatzione noa de sa Pro Loco

| di Pro Loco Tiesi
| Categoria: Arte | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Su C.D. “Cunsonos de Tiesi” est su de chimbe de Sos Siddados, sas publicatziones fatas dae sa Pro Loco pro nde ‘ogare a lughe de sole, bìculu-bìculu, cun mustras, chircas e abbojos, sas modas de giudu de sa cultura nostra, pro las ammentare e lassare a su tempus benidore.
Cun custu impignu torramus a su cantu a cunsonu: custu puru est unu siddadu, una sienda chi nos an lassadu sos mannos; pro chi si muntenzat bia e sigat a bogare frutu, cheret amparada sa limba sarda, s’alimentu chi in su tempus l’at dadu sonos, sinnos e significos.

In Tiesi an apretziadu sempre sos poetes e sas garas in palcu, chi cherian acumpagnadas dae su cunsonu e, de seguru, est pro cussu chi, cando in sas biddas de afaca est bènnida mancu, in bidda s’est mantesa sa moda de cantare a s’antiga, finas cun modos chi non s’agatan in aterue, che-i sa maestralina. Garas in palcu a parte, ogni còntiga fit bona: afidos e tusolzos, serenadas e festas, in note de ‘Ennarzu o a Sos Tres Res. Si cantaiat pro su gustu de cantare, cun sos amigos de sempre o cun chie capitaiat puru: in su matessi tempus custas ocurrentzias fin puru un’iscola chentza bancos – che cussa fentomada dae M. Pira – inue sa bidda e sa zente etotu fin “iscola de vida e de poesia”, inue sos minores imparaian costumàntzias e modas, non de cantare ebbia, ma de ogni arte de trabagliu e finas de su cumportamentu intro de ‘idda e cun totu.

In su CD Cunsonos de Tiesi si b’agatat una bona istèrrida de càntigos: umpare a sa ‘oghe de note, sos mutos, Sos Tres Res, Gesus in allegria e sa maestralina- su càntigu tiesinu- bi sun Sos Gosos de Nostra Segnora, su ballu cantadu e su dillu, pro ammentare sa moda antiga de acumpagnare su ballu, innanti ch’esseret arrivada sa noa, a boghe, chiterra e/o fisarmonica. Est un’incunza e una sienda ca mustrat comente su cantu a cunsonu piaghiat e sighit a piàghere in sa ‘idda: umpare a biculeddos registrados pro cumbinatzione dae su 1961 in goi, in batìjimos e tusolzos, bi sun sas melodias de sos tres Cunsonos chi cantan a dies de oe e chi an seberadu testos de poetes tiesinos.
Amantiosos dae minores, in ocasiones nòdidas e fitianas, aiscultaian sos mannos e poi si sun proados a sa sola; an incomintzadu a cantare sighende s’istiga issoro chi los curregian e los animaian puru a bi la sighire: pro ammentare, fàghere connòschere e apretziare custa passione antiga. De càntigos e sonos, de vida e de cunsonantzia.

*******

L’Associazione culturale Pro Loco ha, in questi anni, svolto un’azione importante: individuare e portare alla conoscenza di molti, attraverso mostre, pubblicazioni e convegni, singoli tasselli e tesori – sos siddados- relativi ad espressioni di tipo diverso, che costituiscono il mosaico della nostra cultura. La valorizzazione di questi differenti aspetti deriva, al contempo, dalla salvaguardia della lingua sarda che ne veicola e performa ogni aspetto.
Con questo CD ritorniamo ad uno di tali siddados, tipico del nostro paese: il canto a più voci che qui viene chiamato a Cunsonu.
Thiesi, a differenza degli altri paesi del circondario, ha mantenuto questa modalità espressiva antica e melodiosa conservando forme musicali uniche, quali sa maestralina: ciò è potuto accadere per il perseverare nel paese di un’altra passione e capacità artistica, quella di comporre versi di riflessione ma soprattutto estemporanei - a bolu-, per le cui gare era indispensabile l’accompagnamento di un coro e, dunque, la musica e il canto si presentavano come un mezzo al servizio dell’espressione poetica.
Le occasioni per poetare/cantare non mancavano: quelle canoniche quali l’ultimo giorno dell’anno e l’Epifania, ma anche feste familiari, patronali o relative al lavoro come ad esempio la tosa delle pecore. Non erano esibizioni di gruppi organizzati ma cori spesso costituitisi al momento, espressione del piacere di cantare tra amici e amatori: di fatto però, costituivano anche parte di quella “scuola impropria” così chiamata da M. Pira – costituita dal paese stesso - che educava davvero, poiché introduceva i giovani nella realtà, tramandando valori, modi di essere, tecniche del fare. Dunque scuola di vita e di lavoro ed anche di poesia e canto: i giovani ascoltavano, imparavano dagli adulti che, mentre armonizzavano e affinavano i loro ruoli nel coro, li invogliavano e indirizzavano.

La raccolta Cunsonos de Tiesi è costituita dal repertorio diffuso ovunque: sa ‘oghe de note, sos mutos, Sos Tres Res, Gesus in allegria e dal canto tipico, sa maestralina; a questi si aggiungono Sos Gosos de Nostra Segnora, su ballu cantadu e su dillu, per ricordare una tradizione dimenticata, dato che in questi ultimi decenni a Thiesi il ballo veniva accompagnato da voce, chitarra e/o fisarmonica.
Il CD documenta quanto questa modalità canora sia stata e continui ad essere radicata nel paese: accanto a frammenti di registrazioni amatoriali del passato, fatte in circostanze del tutto casuali e improvvisate, proponiamo le interpretazioni dei tre cori attualmente in attività che, nell’occasione, hanno scelto di cantare testi di autori Thiesini. Tutti, fin da ragazzi, hanno frequentato e cantato insieme agli adulti seguendone le orme e così coltivano e tramandano la stessa passione che ha radici lontane: di canti, suoni, vita e amicizia, cunsonantzia appunto.                                                                        

Il presidente
Giovanna Chesseddu,
con G. Canu, C. Carta, F. Cocco, B. Lai, I. Meloni, M. C. Santoru, G. Uneddu e tutti i soci


CUNSONOS DE TIESI

1) Cunsonu Tiesinu

Boghe de note 3.36
Maestralina 5:01
Su ballu cantadu 3:21
Gesus in allegria 2:53

2) Cunsonu de S. Juanne

Boghe de note 3:42
Su dillu 2:19
Sos tres res 4:57
Maestralina 4:39

3) Cunsonu N. Segnora de Seunis

Boghe de note 3:43
Mutos 3:01
Maestralina 5:38
Gosos de N. Segnora  de Seunis  3:08

4) Frammenti

Boghe de note (T. Soro, D. Serra, P. Uneddu, G. Pala). 1975     2:42
Maestralina (A. Ninniri, G. Spissu, F. Ruda, A. Melone) 1961      01:35
Mutos (F. Carta, L. Vargiu, T. Canu, N. Uneddu) fine anni ’70    1:16

Pro Loco Tiesi

Contatti

redazione@meilogunotizie.net
mob. 389.8213416
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK