Rimani sempre aggiornato sulle notizie di meilogunotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Fronte indipendentista: 30% di programmazione in sardo per le emittenti sovvenzionate dalla Ras

Il comunicato in ambas limbas

| di Fronte indipendentista unidu
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Il Fronte Indipendentista Unidu intende esprimere il proprio apprezzamento per i passi in avanti fatti recentemente in Sardegna nella battaglia per il bilinguismo, nell'istruzione (quest'anno saranno 180 le scuole a fare corsi in sardo in orario curricolare), nell'amministrazione e nei media. Apprezziamo il fatto che nello scorso mese sia iniziata nelle televisioni sarde la prima campagna istituzionale per la lingua sarda che la Regione abbia fatto in oltre sessanta anni di autonomia, ma in merito alla sua realizzazione vogliamo fare alcuni appunti. Per questa campagna l'Assessorato all'Istruzione e ai Beni Culturali ha stanziato un milione di euro, che sono stati suddivisi fra tutte le emittenti locali della Sardegna. Le cifre pagate per la messa in onda, specie alle televisioni maggiori (308.987 euro destinati a Videolina, 184.703 euro a Sardegna Uno) ci sembrano al di sopra del budget che sarebbe normale aspettarsi per una campagna pubblicitaria, pagata secondo le tariffe di mercato. Tanto che gli spot vanno in onda di continuo, anche nel cuore della notte. Abbiamo il sospetto che questa campagna istituzionale per il bilinguismo sia stata inopportunamente inserita all'interno delle politiche regionali di sostegno economico alle emittenti sarde, le quali attraversano un difficile periodo finanziario (pensiamo soprattutto a Sardegna Uno), e in favore delle quali la Regione negli scorsi anni ha ripetutamente stanziato contributi economici per un totale di svariati milioni di euro, oltre ai finanziamenti erogati alla carta stampata. Il Fronte crede nel valore di una informazione realmente plurale e democratica che serva ai bisogni della società sarda, e pensa che solo questo tipo di informazione vada aiutata. Per questo motivo proponiamo che tutti i giornali, le televisioni e le radio che prendono a vario titolo delle sovvenzioni, finanziamenti o provvidenze pubbliche da parte della RAS, debbano garantire che almeno il 30% della programmazione o delle pubblicazioni vengano effettuate in lingua sarda (e/o in sassarese, gallurese, tabarchino e algherese). In questo modo, senza alcun aggravio sul bilancio regionale, ma anzi con un possibile risparmio, sarebbe possibile non solo assicurare un servizio importante in sardo e nelle altre lingue parlate storicamente dai sardi, ma anche garantire una migliore qualità dell'informazione, dando maggiori possibilità di lavoro ai tanti giornalisti figli della cultura viva del nostro popolo.


Su Fronte Indipendentista Unidu bolet esprimere sa cuntentesa sua pro is passos a in antis chi sa Sardigna est faghende in su caminu cara a su bilinguismu, e at a giùghere semper a in antis cun fortza custa pelea finas a cando no amus a arribare a unu regime de paridade intre su sardu e s'italianu in totu sa Sardigna, e de is àteras limbas istòricas de Sardigna in logu issoro. In is dies coladas ant publicadu is graduatòrias de is finantziamentos pro fàghere cursos de sardu in iscola in oras de letzione, partzinde intre 180 iscolas is 455.000 èuros de su finantziamentu pro s'annu 2013/2014. Cunsideramus una cosa bona meda fintzas su fatu chi in su mese passadu est comintzada in is televisiones sardas sa prima campagna istitutzionale chi sa Regione apat fatu pro sa limba sarda in sessanta annos de autonomia, ma a pitzu de comente l'ant fata bolimus nàrrere una paja de cosas. Pro custa campagna s'Assessoradu a s'Istrutzione e a is Benes Culturales at gastadu unu milione de èuros, partzidos intre totu is televisiones locales de Sardigna. Su dinari chi ant pagadu pro la trasmìtere, mascamente a is televisiones prus mannas (308.987 èuros a Videolina e 184.703 èuros a Sardegna Uno) nos paret meda a beru, de prus de su chi diat èssere normale pro una campagna pubblicitaria pagada segundu is prètzios de mercadu. E difatis custas publitzidades las trasmitint de continu, fintzas intro de note e a is bator de mangianu. Semus pensende chi fintzas custa campagna istitutzionale pro su bilinguismu nche la sunt impreende pro is polìticas regionales de agiudu econòmicu a is mèdia sardos, chi sunt colende unu tempus malu de crisi (pensamus mascamente a Sardegna Uno), e chi sa Regione at finantziadu in is annos passados, donende-lis paritzos miliones de èuros de contributos pro is televisiones e pro is giornales. Su Fronte creet in s'importàntzia de àere una informatzione sarda chi siat a beru plurale e democràtica e chi servat pro is bisòngios de sa sotziedade sarda e creet chi sceti custu tipu de informatzione depet èssere amparada dae sa Regione. In unu tempus chi La Nuova Sardegna intrat in sa Finegil Editoriale Spa de De Benedetti, e is duos giornales sardos prus mannos sunt tanchende is sedes issoro in sas tzitades sardas, pensamus chi, oe prus de eris, siat pretzisu a ligare su cras de is mèdia sardos ad unu isvilupu culturale pensadu dae is sardos etotu, faghende a manera chi sa limba e sa cultura de su pòpolu sardu intrent in is mèdia. Pro custa resone proponimus chi totu is giornales, is televisiones e is ràdio chi pigant cale si siat tipu de finantziamentu pùblicu dae sa RAS, depant garantire chi nessi su 30% de sa programmatzione o de is pubblicatziones siant fatas in limba sarda (o in tataresu, gadduresu, tabarchinu e aligheresu). Si non sunt dispostos a garantire custu servìtziu a is sardos, ant a traballare chene pigare prus perunu contributu de sa Regione. In custa manera, chene peruna ispesa in prus pro sa Regione, e fortzis cun unu rispàrmiu , diat èssere possìbile non sceti assegurare unu servitziu de importu in sardu e in is àteras limbas de is sardos, ma fintzas garantire una mègius calidade de s'informatzione, dende prus possibilidades de agatare traballu a giornalistas meda chi sunt fìgios de sa cultura bia de su pòpulu nostru.

Fronte indipendentista unidu

Contatti

redazione@meilogunotizie.net
mob. 389.8213416
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK