Rimani sempre aggiornato sulle notizie di meilogunotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Battista Cualbu: "il latte deve essere pagato ai pastori almeno 1,10 euro litro"

Il Pecorino Romano ha raggiunto quota 8,60 euro a kg

| di Coldiretti Sardegna
| Categoria: Associazioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Non si arresta la scalata del Pecorino Romano che da una settimana ha toccato il prezzo record degli 8,60 euro al Kg.

Il formaggio leader della Sardegna continua a salire proprio quando nel mercato viene immessa la maggior quantità di produzione dell’annata agricola scorsa. Il Romano, infatti, viene venduto con oltre cinque mesi di stagionatura e marzo, aprile e maggio sono i mesi di maggior produzione di latte ovino.

“E’ l’ennesima conferma – secondo il Presidente regionale della Coldiretti Battista Cualbu – di quanto andiamo dicendo da tempo, gli industriali caseari devono adeguare il trend positivo del prezzo del Pecorino Romano a quello del latte. Per questo i nuovi contratti non potranno essere inferiori a 1.10 euro a litro. Non consentiremo che anche quest’anno il lavoro dei pastori sia remunerato di meno di quanto non lo sia quello dell’industria di trasformazione. Dai nostri conti risulta che l’anno scorso, a causa della mancata corrispondenza tra prezzo del latte e formaggio, sono mancati dalle  tasche di chi il latte lo munge oltre 50 milioni di euro. Non possiamo continuare ad essere chiamati, nel nome del mercato, a fare squadra solo per i sacrifici e dimenticati quando le cose vanne bene”.

“Le annate buone lo devono essere per tutti – continua il Presidente - e sono anche il momento giusto per fare programmazione. L’egoismo e l’improvvisazione forse pagano nel breve periodo ma a lungo andare danneggiano tutta la filiera. Per questo insistiamo nel continuare il percorso abbozzato a Santa Giusta con tutte le parti del comparto affinché il prezzo del latte sia adeguato al mercato e perché si dia vita ad un Piano di Regolazione dell’offerta per il Pecorino romano. In pratica diciamo che tutti i segmenti della filiera debbano agire in maniera coordinata, fissando i quantitativi di Romano da produrre, inserendo di fatto un elemento stabile nella dinamica di formazione del prezzo sul mercato”.

La conclusione di Cualbu è rivolta ai pastori: “non firmate contratti sotto un euro e dieci centesimi a litro”.

Coldiretti Sardegna

Contatti

redazione@meilogunotizie.net
mob. 389.8213416
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK